previous arrow
next arrow
Slider

Archivio Storico Comunale di Frosinone

REGOLAMENTO DELL’ARCHIVIO STORICO COMUNALE

Stemma del Comune di Frosinone

CITTA’ DI FROSINONE

REGOLAMENTO DELL’ARCHIVIO STORICO COMUNALE

(approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 5 del 29.01.2021)

Articolo 1
Oggetto

Il presente Regolamento, redatto in conformità con il Codice di settore (Codice dei Beni culturali e del Paesaggio – DLgs. n. 42-2004) e con le norme regionali vigenti (Disposizioni in materia di servizi culturali regionali e di valorizzazione culturale – L.R. n. 24-2019), disciplina l’organizzazione dell’Archivio Storico Comunale di Frosinone.
Il Comune di Frosinone individua nell’Archivio la struttura permanente che raccoglie, inventaria e conserva documenti originali di interesse storico e ne assicura la consultazione per finalità di studio e di ricerca.

Articolo 2
Sede

Il Comune si impegna a conferire nella sede dell’Archivio, individuata presso il Palazzo comunale in via del Plebiscito, tutta la documentazione archivistica dal medesimo prodotta e ad esso affidata che si trovasse depositata altrove, fatta salva quella che per imprescindibile necessità amministrativa dovesse essere conservata presso gli uffici competenti; della documentazione trattenuta dagli uffici si trasmetterà comunque notizia, da inventariarsi all’interno dell’Archivio Storico Comunale.

 

Articolo 3
Finalità

L’Archivio Storico Comunale, che aderisce al Sistema Integrato Frusinate per la Cultura, svolge le funzioni di conservazione, ordinamento, inventariazione del patrimonio documentario; assicura la consultazione e la valorizzazione del patrimonio, promuove attività didattiche, divulgative e di ricerca storica, in collaborazione con la Biblioteca, le Scuole, l’Università e altri Enti e Istituti di ricerca. Svolge una funzione essenziale per garantire il reperimento di informazioni affidabili sotto il profilo giuridico, la tutela della memoria storica dell’ente e il diritto di tutti i cittadini all’accesso all’informazione, alla formazione permanente e allo sviluppo della conoscenza storica locale.

Articolo 4
Acquisizioni

Nell’Archivio Storico Comunale saranno depositate le future acquisizioni di materiale documentario del Comune, provenienti sia da Enti Pubblici soppressi, sia da raccolte di privati a qualsiasi titolo pervenute, vale a dire per acquisto o per donazione, per deposito o comodato.

Articolo 5
Apertura al pubblico

L’Archivio Storico Comunale è aperto al pubblico, per consentire la consultazione del materiale documentario in esso conservato, nei giorni e negli orari stabiliti dalla Giunta Comunale nel rispetto dei requisiti minimi obbligatori e tenuto conto degli obiettivi di miglioramento definiti dalla Regione Lazio per l’accreditamento nell’Organizzazione Regionale Archivistica (OAR).

Articolo 6
Consultabilità dei documenti

Tutti i documenti dell’Archivio Storico Comunale sono liberamente consultabili, ad eccezione di quelli di carattere riservato ai sensi dell’art. 122, comma 1, lettere a e b, del Codice di settore. La consultabilità dei documenti riservati è disciplinata dagli artt. 122, 123, 125, 126 del Codice di settore e dal DLgs. n. 196-2003 (Codice in materia di protezione dei dati personali, aggiornato con il DLgs. n. 69-2012).

Articolo 7
Accesso

L’utente è tenuto ad apporre sempre la propria firma, in forma leggibile, sul registro delle presenze giornaliere.
Per accedere all’Archivio è necessario esibire un documento di identità e presentare richiesta in carta libera utilizzando gli appositi moduli, dichiarando:

a) generalità del richiedente;
b) argomento della ricerca;
c) finalità della ricerca;
d) assunzione di responsabilità.

Per ogni singolo specifico argomento è necessaria una separata domanda.
Preliminarmente all’accesso, è rilasciata autorizzazione da parte del Responsabile del Servizio, cui afferisce l’Archivio Storico Comunale.
Per motivi di comprovata necessità o per inosservanza delle norme stabilite dal presente regolamento, il Responsabile può negare, sospendere o revocare l’autorizzazione. Non si darà corso a richieste generiche.
L’autorizzazione è valida per tre mesi dalla data di rilascio, salvo eventuali proroghe. L’accesso è precluso a coloro che, per gravi motivi, siano stati esclusi da altri archivi storici e/o biblioteche. L’accesso e la consultazione sono gratuiti.

Articolo 8
Modalità di consultazione dei documenti cartacei

La consultazione deve avvenire negli spazi destinati allo scopo, separatamente dai restanti atti. Gli utenti sono tenuti a conservare sul tavolo di consultazione soltanto gli strumenti strettamente inerenti la loro ricerca e ad effettuare la consultazione con la massima cura, utilizzando, se necessario, gli appositi guanti messi a disposizione dagli addetti.
Sono possibili controlli in entrata e in uscita. Durante la consultazione è proibito:

a) scrivere o prendere appunti appoggiando fogli o quaderni sopra i documenti;
b) fare calchi, lucidi, fotografie, fotocopie o riprodurre in altro modo i documenti anche quando tecnicamente possibile, senza la preventiva autorizzazione; gli eventuali i costi conseguenti sono comunque a carico del richiedente;
c) scomporre i documenti dall’ordine in cui si trovano o estrarre documenti per qualsiasi motivo; al fine di evitare confusioni, in ogni caso, potrà essere richiesta l’assistenza dell’archivista o dell’addetto;
d) disturbare il silenzio o accedere ad altri ambienti non ammessi al pubblico, consumare cibi o bevande e, nel modo più assoluto, compiere azioni che possano creare pericoli all’integrità dei documenti momentaneamente in visione.

Finita la consultazione i pezzi archivistici ricevuti dovranno essere ricomposti e riconsegnati all’addetto, che provvederà alla ricollocazione.
È esclusa la consultazione e/o riproduzione di documenti in cattivo stato di conservazione.

Articolo 9
Riproduzioni

È consentito il rilascio di copie digitali (se disponibili) di documenti entro il numero limite di n. 4 (quattro) copie della stessa pagina di documento, all’utente che ne faccia domanda utilizzando l’apposito modulo, elencandoli analiticamente.
Il permesso di riproduzione non attribuisce alcun diritto di proprietà di fronte a terzi. Non sono ammesse le riproduzioni di materiale non digitalizzato in cattive condizioni di conservazione.
È consentita l’esecuzione di fotografie del materiale archivistico con mezzi propri, purché con modalità che non comportino alcun contatto fisico con il bene, né l’esposizione dello stesso a sorgenti luminose, né l’uso di stativi o treppiedi.
Le spese per la riproduzione in proprio e il rilascio di copie digitali sono a carico dell’utente; i costi devono essere corrisposti in via anticipata all’Amministrazione Comunale.

Articolo 10
Pubblicazione delle riproduzioni

La pubblicazione dei documenti riprodotti (in fotografia o con altra modalità da parte degli interessati) è soggetta a specifica autorizzazione rilasciata dall’Amministrazione Comunale. Gli utenti si impegnano, in caso di utilizzo dei documenti dell’Archivio Storico, a citare la fonte.

Articolo 11
Valorizzazione

L’Archivio storico promuove esposizioni, mostre, percorsi tematici, attività di storytelling, workshop, in presenza e a distanza, che abbiano lo scopo di far conoscere il patrimonio archivistico, il servizio, le finalità e il funzionamento dell’Archivio stesso.

Articolo 12
Prestito

Il materiale archivistico non è ammesso al prestito. Può essere consentito il prestito temporaneo a istituzioni culturali pubbliche e private che ne facciano richiesta per mostre ed esposizioni, previa autorizzazione della competente Soprintendenza, e dettagliato verbale di consegna e responsabilità, sottoscritto dal titolare dell’ente interessato o suo delegato.

Articolo 13
Disposizione finale

Per quanto non previsto dal presente regolamento, si fa riferimento alle leggi in vigore che disciplinano la materia riguardante gli archivi storici e la loro consultazione.